La meditazione mindfulness per aiutarci ad affrontare i problemi della vita quotidiana

La meditazione mindfulness per aiutarci ad affrontare i problemi della vita quotidiana

Introduzione: Una presentazione a Talks at Google di Ron D. Siegel, psichiatra, che descrive in che cosa consiste la meditazione mindfulness e di come puo’ servire anche a chi non soffre di malattie mentali per aiutare ad affrontare l’ansia e la depressione collegata ai problemi da risolvere giornalmente.

Cose da fare: Si tratta di un video in inglese di circa un’ora con un esempio concreto di pratica di mindfulness. Cliccate sull’immagine sopra per accedervi. Altre meditazioni possono essere scaricate da questa pagina Web.

Cosa succede: La meditazione mindfulness e’ stata sviluppata in ambito accademico eliminando dalle numerose pratiche che esistono in tutte le culture le parti collegate ad aspetti culturali particolari. Questo ne ha permesso il suo studio scientifico dimostrandone l’efficacia per ridurre lo stress oppure per combattere la depressione.

Ma qui Ron Siegel ci spiega perche’ puo’ essere utile anche nella vita di tutti i giorni delle persone senza particolari problemi se non la normale ansieta’ e l’occasionale depressione di cui soffriamo un po’ tutti. La pratica della meditazione mindfulness si basa sul fissare la nostra attenzione verso uno stimolo sensoriale come il respiro. Concentrandoci sul respiro siamo spinti dalle nostre preoccupazioni correnti a distrarci, allora non faremo altro che tornare alla respirazione.

Questa tecnica funziona bene in maniera paradossale perche’ non cerca di evitare cio’ che ci preoccupa o ci deprime ma anzi ne favorisce il ricordo perche’ siamo concentrati. Quando questo succede dobbiamo guardare a queste preoccupazioni in maniera distaccata accettandole come sono senza giudicarle. La figura sopra riassume i 3 aspetti essenziali di questa pratica:

  1. Consapevolezza
  2. del momento presente
  3. con accettazione (dei pensieri che cercano di distrarci)

Il cartone animato contenuto nel video spiega in maniera metaforica questo punto rappresentando i pensieri che distraggono con una mosca che disturba chi medita. Se questo cerca di combattere la mosca uccidendola, le mosche si moltiplicano sempre di piu’ interferendo con la meditazione; se invece l’accoglie cosi’ com’e’ allora dopo un po’ non la notera’ piu’ e potra’ riprendere a meditare con calma.

La meditazione mindfulness (o anche di altro tipo) puo’ sembrare semplice ma per diventare davvero efficace modificando il nostro cervello, richiede una pratica continua ogni giorno.

Commenti:

Altri applet di neuroscienze

I materiali hanno come indirizzo

https://www.youtube.com/watch?v=aPlG_w40qOE,
© Talks at Google

Autore: Ron D. Siegel

Titoli in inglese: The Science of Mindfulness

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *