Essere bilingui ci rende davvero piu’ intelligenti?

Essere bilingui ci rende davvero piu’ intelligenti?

Does Being Bilingual Make You Smarter?

Cognitive Advantages of Bilingualism

Introduzione: Sembra proprio di si anche se alcune affermazioni sui possibili benefici del multilinguismo sembrano esagerate.

Cose da fare: Si tratta di 3 video . Le 3 figure in questa pagina  fanno  partire i  video (in inglese). Il primo, di Big Think , e’ una brevissima presentazione fatta nel 2011 di un neuroscienzato, Sam Wang, sui vantaggi del bilinguismo  con affermazioni abbastanza esagerate.

Il secondo video di DNews e’ piu recente (2014) e fa una breve rivista dei maggiori risultati molto piu’ equilibrata.

L’ultima presentazione recentissima di poco piu’ di 10′ e’ fatta da una professoressa di linguistica, Maria Polinsky,  che risponde in dettaglio ad alcune domande che i genitori possono farsi prima di instradare i figli su questa strada. Di questa presentazione trovate anche la trascrizione in inglese subito sotto il video.

Cosa succede: In questo articolo del New Yorker Is Bilingualism Really an Advantage? si spiega come una meta-analisi di tutti gli articoli pubblicati e/o presentati a conferenze sull’argomento ha mostrato che c’e’ stata una polarizzazione verso i risultati positivi. Ma il vantaggio nel proteggere il cervello degli anziani esiste. Solo che potrebbe essere simile al vantaggio che si ottiene quando si impara qualche attivita’ che esercita al massimo il vostro cervello (come potrebbe essere imparare a suonare uno strumento).

Commenti:

Altri applet di neuroscienze

I materiali hanno come indirizzo

https://www.youtube.com/watch?v=4IiGqGoflsk,
Autore: Sam Wang
© BigThink

https://www.youtube.com/watch?v=RXeDNkVauh4
© DNews

http://serious-science.org/videos/2610
© Serious-Science
Autore: Maria Polinsky

Titoli in inglese: Bilingualism Will Supercharge Your Baby’s Brain ,Does Being Bilingual Make You Smarter? , Cognitive Advantages of Bilingualism

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *