Tre indizi per capire come funziona il cervello

Tre indizi per capire il funzionamento del tuo cervello

Introduzione: E’ difficile per i neuroscienziati studiare il cervello umano a causa della sua complessita’.  Le persone che hanno sofferto di un ictus e si sono riprese offrono una possibilita’ di studio perche’ e’ possibile collegare le modifiche sopravvenute nel comportamento, con l’area del cervello danneggiata dall’ictus. E’ da piu’ di un secolo che si scoprono  in questo modo le funzioni delle differenti aree cerebrali.

Cose da fare: Si tratta di 2 video di TED. Le 2 figure in questa pagina  fanno  partire i  video (in inglese) ma con sottotitoli e trascrizione in italiano.

Il primo e’ la presentazione di uno  dei maggiori neuroscienziati e racconta tre casi di straordinarie illusioni cognitive scoperte in pazienti.

Cosa ho imparato dal mio ictus

Il secondo e’ la presentazione di un’altra studiosa del cervello che e’ stata colpita essa stessa da un ictus dal quale si e’ ripresa e (dopo 8 anni) puo’ raccontare di persona cosa significa essere colpiti da un ictus nell’emisfero sinistro del cervello…

Cosa succede: La prima illusione riportata da Vilayanur Ramachandran, viene chiamata sindrome di Capgras. Il paziente e’ convinto che le persone care vicine siano state sostituite da impostori. Come spiega Ramachandran questo avviene solo se si e’ in presenza della persona : se la stessa persona contatta il paziente via telefono, viene riconosciuta senza problemi. La causa sembra un mancato collegamento a livello cerebrale con l’amigdala che e’ la parte del cervello che aggiunge la parte emozionale alle nostre sensazioni. Insomma noi vediamo la persona cara, ad esempio la mamma, ma non sentiamo nessuna delle emozioni che questo incontro comporta!

La seconda illusione e’ quella dell’arto fantasma che prova dolore e puo’ essere addirittura paralizzato! E’ davvero interessante vedere come e’ facile prendere in giro il cervello facendogli credere che la mano riflessa sia l’arto fantasma. Ma e’ proprio cosi’ : anche se sappiamo benissimo che e’ un inganno, il cervello risponde senza problemi. Questa illusione e la sua cura mostra  come funziona la plasticita’ del cervello.

Infine la terza illusione e’ la sinestesia che e’ piu’ o meno presente in tutti. Si ha quando due aree del cervello si sovrappongono parzialmente e una stimolazione sensoriale viene percepita attraverso due diversi canali contemporaneamente. Lo dimostra con l’illusione kiki-buba.

La dottoressa Jill Bolte Taylor ha scritto un libro sulla sua drammatica esperienza : La scoperta del giardino della mente. Cosa ho imparato dal mio ictus cerebrale . La sua testimonianza e’ interessante per due motivi : da una parte e’ una relazione di prima mano su cosa significa subire un ictus perdendo poco a poco varie funzionalita’.  Dall’altra parte, il fatto che sia riuscita a parlare di questo agendo normalmente mostra le capacita’ di autoguarigione del cervello sfruttando la plasticita’ cerebrale. Come racconta in dettaglio nel libro , quasi tutte le capacita’ perse con quella zona di cervello distrutta dal coagulo di sangue grande come una pallina da golf , le ha riacquistate poco a poco in anni di riabilitazione. E’ come tornare bambini e dover reimparare tutto. Il cervello forma nuove connessioni nelle zone vicine a quelle danneggiate e si puo’ reimparare a leggere, scrivere, muovere gli arti paralizzati, etc…

Commenti:

Altri applet di neuroscienze

I materiali hanno come indirizzo

http://www.ted.com/talks/vilayanur_ramachandran_on_your_mind.html,

http://www.ted.com/talks/jill_bolte_taylor_s_powerful_stroke_of_insight.html

e fanno parte della raccolta di video TED Ideas worth spreading.

Autori: Vilayanur Ramachandran, Jill Bolte Taylor
© TED Conferences

Titoli in inglese: Three clues on your brain, A stroke of insight

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *