Martedi' 10 Giugno 2003 : 9 10 5 - zito da sele25.fisica.uniba.it 193.204.188.202
Cosa significa:
x = *p++;
Martedi' 10 Giugno 2003 : 9 11 2 - Ang e Rug da labmul13.fisica.uniba.it 193.204.188.71
il valore puntato da p viene incrementato
Martedi' 10 Giugno 2003 : 9 13 - C&M da labmul12.fisica.uniba.it 193.204.188.69
si accede all'elemento succesivo del vettore incrementando il puntatore
Martedi' 10 Giugno 2003 : 9 17 2 - zito da sele25.fisica.uniba.it 193.204.188.202
Cosa significa:
x = *p++;
1) in x viene caricato il valore puntato da p
2) p e' incrementato
Martedi' 10 Giugno 2003 : 9 17 5 - zito da sele25.fisica.uniba.it 193.204.188.202
Cosa significa:
x = **p;
Martedi' 10 Giugno 2003 : 9 19 1 - Anonimo da labmul11.fisica.uniba.it 193.204.188.68
assegna ad x l'indirizzo della locazione di memoria puntata da p
Martedi' 10 Giugno 2003 : 9 20 3 - Ang e Rug da labmul13.fisica.uniba.it 193.204.188.71
in x viene caricato l'indirizzo di dove memorizzato p
Martedi' 10 Giugno 2003 : 9 23 1 - zito da sele25.fisica.uniba.it 193.204.188.202
Cosa significa:
x = **p;
in x viene caricato il valore puntato dal puntatore puntato da p
Martedi' 10 Giugno 2003 : 9 24 5 - zito da sele25.fisica.uniba.it 193.204.188.202
C ome si fa a dichiare e allocare una variabile float x
inell'heap
Martedi' 10 Giugno 2003 : 9 25 1 - Ang e Rug da labmul13.fisica.uniba.it 193.204.188.71
float *x= new float;
Martedi' 10 Giugno 2003 : 9 25 3 - C&M da labmul12.fisica.uniba.it 193.204.188.69
float *p=new float
Martedi' 10 Giugno 2003 : 9 25 5 - Anonimo da labmul11.fisica.uniba.it 193.204.188.68
float *x = new float;
Martedi' 10 Giugno 2003 : 10 54 3 - zito da sele25.fisica.uniba.it 193.204.188.202

#include < iostream.h>
#include < string.h>

void anagramma(char *s, int n,int m) {
char temp;
if(m==n) cout << s << endl;
else {
for(int i=m;i < n;i++){
temp;temp=s[m];s[m]=s[i];s[i]=temp;
anagramma(s,n,m+1);
temp;temp=s[m];s[m]=s[i];s[i]=temp;

}
}
}


int main(int argc, char* argv[]) {
int n;
n = strlen(argv[1]);

cout << argv[1] << " " << n << endl;

anagramma(argv[1],n,0);

return 0;
}