Rompere l’incantesimo : la religione come fenomeno naturale

Rompere l’incantesimo : la religione come fenomeno naturale

Il futuro delle religioni: una slide della presentazione per la Skeptics Society tenuta al Caltech

Introduzione: La scienza moderna e’ cominciata quando si e’ capito che non era necessaria l’ipotesi dell’esistenza di Dio per spiegare come funziona l’Universo. Questo significa che dobbiamo rinunciare alla religione ? Non proprio.

Alla domanda se Dio esiste (o non esiste) la Scienza non puo’ rispondere.Ma e’ vero che una grande maggioranza delle persone che vivono sulla Terra credono che Dio esiste. Quindi possiamo considerare la religione come un fenomeno naturale . Quello che Daniel Dennet fa e’ appunto cominciare ad abbozzare un’indagine scientifica di questo fenomeno naturale per poter prevedere come si evolvera’ nel tempo.
Il libro che ha scritto sull’argomento (materia di questa presentazione) ha infatti come titolo:”Rompere l’incantesimo:la religione come fenomeno naturale” indicando fin dal titolo che il suo scopo non e’ di criticare le religioni (Dennet e’ ateo) ma cominciare un discorso razionale, non su Dio, ma su come e perche’ l’homo sapiens e’ diventato religioso e come la religione si e’ evoluta nel tempo.

Cose da fare: Si tratta di 2 video dove Dennet parla di religione. Sono in inglese :cliccate sulle immagini sopra per farli partire.

Il primo video e’ in effetti un’intervista televisiva raccolta in una “playlist” con sei spezzoni. Dennet risponde alle domande di un giornalista.

Il secondo  video di Skeptik  mostra una presentazione di circa un’ora fatta al Caltech per la Skeptical Society of California. Questo spiega la presentazione di circa 15′ fatta da Michael Shermer che e’ a capo di questa associazione. Shermer e’ un sostenitore dello scettiscismo scientifico ed è noto per le sue indagini sulla validità delle pseudoscienze e delle affermazioni sul sovrannaturale.

 

Cosa succede:La religione e’ apparsa circa 70.000 anni fa con la rivoluzione cognitiva assieme ad altri fenomeni come musica, linguaggio, arte.  All’inizio e’ cominciata sotto forma di animismo. L’uomo primitivo assegnava a tutto cio che lo circondava lo status di spirito come se ogni cosa inclusi piante animali montagne etc , fosse dotata di un’anima. Questo straordinario sviluppo si spiega in termini evolutivi perche’ aumentava la sua capacita’ di sopravvivere.
Ad esempio un cespuglio che si muove e fa rumore nella maggioranza dei casi lo fa perche’ e’ mosso dal vento, ma qualche volta puo’ anche nascondere una belva feroce. Sarebbe piu’ logico credere la prima spiegazione perche’  quasi sempre e’ corretta, senonche’ e’ la seconda spiegazione “sbagliata” che ci fa sopravvivere. Percio’ l’uomo primitivo preferiva dotare la pianta di un’anima senziente e faceva questo con  tutto cio’ che poteva influire sulla sua capacita’ di sopravvivere. Poi, circa 10.000 anni fa e’ nata l’agricoltura. Nella rivoluzione agricola l’uomo si evolve (rispetto alla scimmia) imparando a vivere e collaborare in gruppi sempre piu’ numerosi di individui. Per mantenere la coesione di questi gruppi la religione si e’ dimostrata molto efficace. L’ingenua religione primitiva che popolava il mondo di spiriti e’ diventata una religione con un numero di divinita’ sempre piu’ piccolo fino ad arrivare alle religioni monoteistiche.

Come mette in evidenza Dennet, anche se ormai una grande maggioranza di persone crede in un unico “Dio” se mettete insieme un certo numero di persone (anche della stessa religione) e gli chiedete in quale Dio credono, ognuno lo definira’ in maniera diversa.
Sarebbe piu’ corretto dire, afferma Dennet, che ognuno crede nel fatto che “credere in Dio” sia una cosa molto bella che gli fa bene.E Dennet, che ama molto la musica, lo capisce molto bene: la religione come la musica e’ magnifica per una grande maggioranza di persone ed eliminarla perche’ magari si dimostra che Dio non esiste, sarebbe una enorme perdita per queste persone.  Anche  papa Francesco evidenzio’ questo punto in maniera pittoresca: se mi criticano la mia religione e’ come se parlassero male della mamma. Ecco perche’ lo scopo dello studio scientifico proposto da Dennet e’ quello di scoprire come “funziona”: perche’ e che  cosa della religione ci fa sentire cosi’ bene. Questo si ottiene innanzi tutto facendo conoscere ai giovani non solo la propria religione ma la storia di tutte le religioni. Lo stesso Dennet che e’ ateo e nonno dice che non ha impedito ai figli di frequentare la “sua” chiesa, perche’ i luoghi di culto sono una parte importantissima della nostra cultura sia che crediamo o no. Basta pensare all’emozione provata nell’apprendere che la cattedrale Notre Dame di Parigi era stata distrutta dal fuoco.

Dennet a un certo punto cerca di esporre una sua teoria sulla nascita e l’evoluzione delle religioni che si basa sui meme.
Sono idee, parole, melodie, strategie, slogan: tutto ciò che le persone possono copiare, o sembrano copiare, l’uno dall’altro. Come le parole sono qualcosa di arbitrario che assume un significato speciale. Quello che cerca di dimostrare e’ che sono i meme a portare al fanatismo religioso.

Le religioni sono uno dei modi in cui gli esseri umani comprendono e creano le proprie società. Quindi sono essenziali sia per le societa’ pacifiche che per quelle  bellicose. Purtroppo il fanatismo si ritrova sia nelle societa’ religiose che in quelle atee.

Ma lo stesso Dennet dice che quella dei memi e’ solo un suo tentativo di spiegazione ed si augura che serva ad iniziare una discussione scientifica sull’argomento.

 

Commenti: Un altro aspetto della religione e’ quella di confortarci ed aiutarci a sopportare il fatto di dover tutti morire. Questa consapevolezza della morte e’ in effetti nata con la coscienza che solo l’uomo sembra possedere. I nostri parenti piu’ prossimi nell’evoluzione non sembrano rendersi conto di questo.

Questo aspetto della religione e’ messo in evidenza in un film divertente : Il primo dei bugiardi (The Invention of Lying) . In un mondo alternativo senza religioni dove ognuno dice la verita’, il protagonista scopre di essere in grado di mentire e le sue menzogne non solo gli permettono di raggiungere i suoi scopi personali ma anche di confortare la madre che sta per morire nell’ospizio. Anzi la notizia di quello che ha detto alla madre si sparge velocemente in giro ed e’ costretto a creare “una religione” per accontentare tutti gli altri.

Altri applet di neuroscienze

I materiali hanno come indirizzo

https://www.youtube.com/watch?v=iHEx9gCjo8o&list=PL76EFA1BDC7352A75&index=1
© youtube
Titolo in inglese: Charlie Rose: Dan Dennett – Breaking the Spell

https://www.youtube.com/watch?v=FyvD3dEVlIg
© Skeptic
Autore: Daniel Dennet

Titoli in inglese: Breaking the Spell: Religion as a Natural Phenomenon

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *