Elettricita’ senza fili

Elettricita’ senza fili

Wireless Electricity

Introduzione:Nikola Tesla fece esperimenti all’inizio del Novecento sulla possibilita’ di trasferire senza fili non solo l’informazione (con le onde radio) ma anche l’energia elettrica. Un suo biografo riporto’ che era riuscito ad accendere 200 lampadine a 42 Km di distanza. Ma in effetti a questi esperimenti non segui’ nessuna applicazione concreta . Ma il sogno di Tesla e’ sul punto di diventare realta’ ai nostri giorni : queste semplici dimostrazioni di laboratorio vi mostrano come.

Cose da fare: I due brevissimi video (di 4′ ciascuno) contengono dei semplici esperimenti  commentati in inglese . Il primo mostra il metodo di Tesla e la tecnica di trasferimento induttivo di energia elettrica. Il secondo  parla invece del trasferimento ottenuto con raggi laser. Cliccate sulle due immagini sopra per farli partire.

Cosa succede: Questo tipo di tecnologie viene ora chiamato Wireless Power Transfer (WPT) ovvero trasferimento di energia senza fili. Questo trasferimento puo’ avvenire con l’induzione elettromagnetica  o con l’uso di radiazioni elettromagnetiche usando ad esempio un laser .

La spiegazione dell’induzione e’ basata sul campo elettromagnetico descritto dalle equazioni di Maxwell. Campi elettrici e magnetici sono strettamente correlati tra di loro e cosi’, ad esempio, il passaggio di una corrente in una bobina trasforma la stessa in una calamita. Se ora avviciniamo un’altra bobina  e’ possibile far circolare una corrente nella stessa. E’ questo il fenomeno dell’induzione  che permette la trasmissione di elettricita’ senza fili. Purtroppo questo metodo non permette la trasmissione di corrente a grandi distanze perche’ il campo elettromagnetico si indebolisce in maniera esponenziale con la distanza tra le due bobine. Ma puo’ essere utile per ricaricare un telefonino senza usare cavi  appoggiandolo a una base fissa (attaccata alla normale rete elettrica). Questa base contiene la bobina che serve per la ricarica.

Il metodo che usa un laser puo’ arrivare invece a lunghe distanze. In questo caso l’elettricita’ viene recuperata con una semplice cella fotovoltaica. Questo metodo e’ in via di sperimentazione sia per trasferire energia solare dallo spazio alla terra che per fornire energia a droni e altri velivoli. Il progetto piu’ avveniristico in proposito e’ quello di costruire una batteria di laser in grado di accellerare microastronavi  verso la stella piu’ vicina a velocita’ vicine a quelle della luce.Ma in questo caso sono gli stessi fotoni che colpendo una piccola vela collegata all’astronave le danno l’impulso necessario.

Commenti:

Altri applet di elettromagnetismo

I materiali hanno come indirizzo

https://www.youtube.com/watch?v=fHK-NwcYxOE

https://www.youtube.com/watch?v=jusw0_Uw6DU
© BritLab
Titoli in inglese: Wireless Electricity Part 1 e Wireless Electricity Part 2

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *