La missione di Juno

La missione di Juno

Introduzione: La sonda spaziale Juno (Giunone) dopo cinque anni di viaggio e’ in orbita intorno a Giove pronta a rivelare i segreti di questo gigante e della formazione del nostro sistema solare.

Cose da fare: Si tratta di 1 video  in inglese: cliccare sull’ immagine sopra per farlo partire.

E’  un breve documentario del canale televisivo ABCTVCatalyst che riporta i fatti essenziali su Giove e sulla missione di questa sonda chiamata Giunone come la moglie di Giove uno degli dei della mitologia greca.

E’ disponibile la trascrizione  .

Cosa succede: Giove e’ da molti punti di vista un pianeta eccezionale e questo ha richiesto una sonda spaziale eccezionale per studiarlo. E’ il pianeta piu’ grande del sistema solare con un corteo di oltre 60 lune. Con la sua gravita’ tiene insieme in maniera stabile tutti gli altri paneti . Ma raggiungerlo e poi mettersi in orbita ha richiesto una sonda spaziale superveloce e l’accensione di uno dei suoi motori per rallentare  e mettersi su un’orbita ellittica.

Giove ha anche un campo magnetico enorme e produce delle radiazioni molto potenti. Le aurore ai poli di Giove sono le piu’ spettacolari del sistema solare. Ma tutto questo significa anche dover proteggere gli strumenti di Juno e fare delle orbite che rendono minimo il danneggiamento. Comunque dopo 37 orbite di 14 giorni ciascuna la sonda si autodistruggera’ lanciandosi nella micidiale atmosfera di Giove.

Juno e’ la seconda sonda spaziale messa in orbita intorno a Giove e con i suoi numerosi strumenti a bordo (dei quali due sono costruiti in Italia) studiera’ la composizione dei gas di questo pianeta. Dovrebbe permettere di capire nei dettagli la struttura interna  del pianeta e la natura del suo clima estremo con tempeste che durano secoli come la Grande Macchia Rossa.

La conoscenza della struttura e composizione interna dovrebbe permettere di capire come si e’ formato Giove e perche’ e’ finito con gli altri 3 pianeti gassosi nella posizione attuale. L’ipotesi piu’ semplice e’ che questi pianeti si sono formati nella zona dove sono adesso. Invece tra i pianeti extrasolari scoperti da Keplero troviamo molti pianeti tipo Giove molto vicini alla stella al centro. Forse anche Giove era all’inizio in quella posizione e poi si e’ spostato nella posizione attuale.

Commenti:

Altri applet di astronomia

Il materiale ha come indirizzo

https://www.youtube.com/watch?v=3_AGxxbHhQU
© ABCTVCatalyst

Titolo in inglese: JUNO’S MISSION

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *