Cosa fa un astronomo

Cosa fa un astronomo

Searching for the Oldest Stars

Introduzione:L’astronoma Anna Frebel ci descrive non solo i risultati della sua ricerca , scoprire le stelle piu’ antiche dell’Universo, ma anche i dettagli di come avviene la ricerca.

Cose da fare: Si tratta di 2 presentazioni in inglese con sottotitoli in inglese. Cliccate sulle due figure sopra per farle partire.

Il primo video  e’ una brevissima presentazione sul sito  Big Think dove Anna Frebel spiega in maniera semplice e comprensibile a tutti la base della sua ricerca. Di questo video e’ disponibile la transcrizione in inglese.

Il secondo video e’ una presentazione a Talks at Google in occasione dell’uscita del suo libro divulgativo che si intitola Searching for the Oldest Stars: Ancient Relics from the Early Universe

Cosa succede: Anna Frebel fa queste sorprendenti affermazioni che sembrano banali ma sono alla base del suo lavoro di ricercatrice. Tutte le stelle della Galassia e tutto cio’ che si trova sulla Terra (incluso il nostro corpo)  proviene da tre processi : dal Big Bang, dai reattori nucleari all’interno delle stelle e dallo scoppio delle supernove. Nel caso del nostro corpo idrogeno,elio e litio provengono dal Big Bang, gli elementi piu’ comuni  fino al ferro dalle fornaci stellari e il resto dagli scoppi di supernove.

Se guardiamo ora alle stelle della Galassia dobbiamo avere anche qui stelle antichissime nate subito dopo il Big Bang. Stelle che sono nate molto prima che nascesse la Galassia. Ma come si fa a riconoscerle? Basta tener conto del fatto che all’inizio, prima del formarsi delle prime stelle, c’erano solo i tre elementi idrogeno, elio e litio. A partire da questi si e’ formata la prima generazione di stelle che hanno avuto vita molto breve e percio’ mancano nella nostra galassia. A partire da queste sono nate delle stelle di seconda generazione. Alcune di queste stelle, piu’ piccole del Sole, sono sopravvissute fino alla nostra epoca. Il Sole stesso e’ nato dopo che c’erano state centinaia di generazioni di nuove stelle.

Queste stelle antichissime si riconoscono sia perche’ sono molto piccole ma soprattutto perche’ scarseggiano di alcuni elementi piu’ pesanti come il ferro perche’ nella loro epoca non erano ancora cosi’ abbondanti. Questo lo si scopre guardando lo spettro di queste stelle e confrontandolo con quello di altre stelle piu’ recenti. In questi spettri che hanno l’aspetto di quelli creati da un prisma, ci sono delle righe scure create dalla luce assorbita dagli elementi presenti nel gas dell’atmosfera stellare.

Il lavoro di Anna Frebel  e’ di studiare gli spettri delle innumerevoli stelle della Galassia raccolti usando i grandi telescopi sulla sommita’ delle Ande e cercare di trovare quegli spettri con la “firma” giusta. Risultato ottenuto dal 2000 quando la ricerca e’ cominciata? 5 o 6 stelle di cui due scoperte dalla Frebel.

 

Commenti:

Altri applet di astronomia

Il materiale e’ formato dai 2 video:

https://www.youtube.com/watch?v=JvR7RTpHFZE
Titolo in inglese: More Than Star Dust, We’re Made of the Big Bang Itself .
© Big Think

https://www.youtube.com/watch?v=V96bcXYhegc
Titolo in inglese: Searching for the Oldest Stars
© Talks at Google

Autore : Anna Frebel

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *