E se l’essenza dello spaziotempo fosse l’inquietante azione a distanza?

E se l’essenza dello spaziotempo fosse l’inquietante azione a distanza?

Spooky Action 101: Is Space as We Know It a Kind of Illusion?

Can quantum entanglement explain gravity?

Introduzione: Per un’ironia della sorte,    l’entanglement quantistico  considerato da Einstein come un’inquietante  azione a distanza ,un errore di fondo che invalidava la teoria quantistica, sta diventando la base della gravita’ quantistica in una nuova teoria enunciata da Mark Van Raamsdonk.

Cose da fare: Si tratta di tre brevi video  in inglese. Cliccate sulle immagini sopra per accedervi. Il primo video di Scientific American e’ forse una delle migliori spiegazioni dell’entanglement e della sua singolarita’. La relazione che si ha tra due particelle elementari nell’entanglement viene rappresentata attraverso le vicende di due persone. Si spiega cosi’ anche come sono fatti gli esperimenti che hanno dimostrato questa azione a distanza.

Il secondo video e’ una presentazione per Big Think  di George Musser (uno degli attori del precedente video) che spiega l’entanglement e la sua stranezza a parole (in effetti non parla mai di entanglement ma solo di azione a distanza). Giungendo alla strabiliante conclusione che lo spazio e’ forse solo un’illusione ed e’ la connessione quantistica ad essere la vera essenza dell’universo : lo spazio e’ solo una proprieta’ secondaria che deriva dall’entanglement. Di questo video e’ disponibile la trascrizione in inglese (cliccate su Show Trascript sotto).

Nel terzo video di DNews viene descritto brevemente come tutto cio’ deriva da un’articolo appena pubblicato da Mark Van Raamsdonk che e’ stato tra i primi a fare questa congettura.

Cosa succede: La ragione principale della critica di Einstein era il fatto che l’entanglement quantistico prevedeva una connessione a distanza tra due oggetti senza descrivere il meccanismo che connetteva i due oggetti. Ma tutti gli esperimenti fatti finora dimostrano che questo e’ quello che succede. E’ come se gli oggetti connessi dall’entanglement vivessero in un mondo a parte dove lo spazio non esiste  ed e’ solo quando cominciamo a fare le nostre misure che lo spazio diventa reale.

Questa vaga nozione che sia l’entanglement l’essenza dello spaziotempo ha cominciato ad essere espressa in notazione matematica dai fisici teorici negli ultimi anni. Mark Van Raamsdonk e’ uno di quelli che e’ andato piu’ avanti in questa esplorazione. La storia emozionante di questa ricerca e’ riportata in questo articolo di Nature: The quantum source of space-time .

L'entanglement come base della gravita' quantistica

Il principale risultato teorico ottenuto e’ rappresentato dall’immagine sopra. Il cerchio rappresenta un universo contenente particelle. La circonferenza rappresenta un altro universo con una dimensione in meno rispetto al cerchio. Ebbene gli effetti della gravita’ in ogni punto interno al cerchio sono matematicamente equivalenti alle proprieta’ quantistiche delle particelle sulla circonferenza. Le particelle all’interno sono connesse tra di loro attraverso una rete di tensori che descrive l’entanglement.

Altre congetture che seguono lo stesso ordine di idee sono il principio olografico  e l’equivalenza  tra il wormhole che collega in maniera istantanea due buchi neri e l’entanglement che collega due particelle.

Commenti:

Altri applet di meccanica quantistica

Il materiale e’ formato dai video

https://www.youtube.com/watch?v=xM3GOXaci7w
titolo in inglese : Quantum Entanglement : The Movie
© Scientific American

https://www.youtube.com/watch?v=Af8RGeco6kg
titolo in inglese : Spooky Action 101: Is Space as We Know It a Kind of Illusion?
© Big Think

https://www.youtube.com/watch?v=1-28k7AHlpE

titolo in inglese : Can quantum entanglement explain gravity?
© DNews

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *