Il viaggio di Dawn tra gli asteroidi

Il viaggio di Dawn tra gli asteroidi

Introduzione: La sonda Dawn fu lanciata nel 2007 con la missione di raggiungere i due corpi celesti piu’ importanti della fascia principale degli asteroidi: Vesta e Cerere. La nave spaziale ha visitato Vesta nel 2011-12 ed e’ arrivata alla sua destinazione finale Cerere nel 2015.

Cose da fare: Si tratta di un video in inglese del canale youtube dell’Hubble Space Telescope. Cliccate sulla figura sopra per farlo partire.

Nel video l’astronoma  Lucy  McFadden, che  collabora alla missione Dawn, spiega i risultati ottenuti finora rivolgendosi a un pubblico di non esperti.

Cosa succede:  Vesta e’ l’asteroide piu’ visibile dalla Terra ma Cerere e’ piu’ grande ed e’ sferico tanto da essere considerato un pianeta nano. C’e’  un’altra cosa che rende Vesta cosi’ interessante : ha subito molto tempo fa un urto con un’altro corpo celeste che ha prodotto un numero enorme di detriti. Addirittura una su sette delle meteoriti trovate sulla Terra provengono da Vesta (vedi figura sopra). Per questo conosciamo gia’ la composizione della superficie. Sia la forma complessiva schiacciata che le caratteristiche superficiali con solchi lunghissimi e un’enorme montagna, sono il risultato dell’urto subito.

Cerere e’ diventato famoso per i due punti luminosi scoperti in un cratere. Non sono delle luci ma delle perdite dal sottosuolo di sostanze particolarmente riflettenti in un corpo celeste dalla superficie molto scura. 

L’interesse di questa missione e’ nel fatto di poter esplorare degli oggetti che ricordano la storia iniziale del Sistema Solare quando si formarono i vari pianeti dall’aggregazione di oggetti piu’ piccoli (come gli asteroidi) nella propria fascia.

Vesta ha molte somiglianze con la Terra perche’ ha un nucleo metallico, un mantello roccioso e una crosta basaltica.  Questo la rende molto piu’ densa di Cerere che ha invece un nucleo roccioso, un mantello di acqua ghiacciata e una crosta di ghiaccio e altri minerali. La sonda continuera’ a girare intorno a Cerere per molti anni e dovrebbe studiarne con grande precisione la composizione e capire quale materiale e’ responsabile dei punti piu’ chiari in alcuni crateri. La presenza di acqua potrebbe aver permesso l’apparizione di forme di vita rudimentali : per questo la sonda non sara’ lanciata a distruggersi su Cerere dove potrebbe contaminare l’ambiente con microrganismi terrestri.

Un’altra interessante caratteristica di questa missione e’ quella di aver dimostrato l’ottimo funzionamento della propulsione a ioni che richiede molto tempo per il viaggio ma impiega una quantita’ di combustibile (lo xeno) molto piu’ piccola di quella usata dai razzi chimici tradizionali.

Commenti: 

Altri applet di astronomia

Il materiale e’ formato da:

https://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=ok9zSTTA-SE#t=831
Titolo in inglese: Dawn: A Journey to the Early Solar System .
© Hubble Space Telescope

Autore:Lucy McFadden

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *