L’effetto dei nuovi mezzi di comunicazione sui bambini

L'effetto dei nuovi mezzi di comunicazione sui bambini

Introduzione: Una presentazione a Talks at Google di Yalda Uhls, ricercatrice che studia la psicologia infantile e in particolare l’effetto dei nuovi mezzi di comunicazione sui bambini.
Cose da fare: Si tratta di un presentazione in inglese di circa un’ora . Cliccate sulla figura sopra per far partire il video.La presentazione e’ legata all’uscita del libro Media Moms & Digital Dads.

Cosa succede: La presentazione, come il libro, e’ una guida per i genitori dell’era digitale. I genitori di oggi (che sono di per se iperconnessi) si ritrovano con i figli che gia’ nella carrozzina si divertono a manipolare computers sotto forma di smartphone e tablet.Gli schermi touch li rendono facili da usare anche a quell’eta’.

Nuovi mezzi di comunicazione che attraggono i piu’ giovani non sono una novita’ e spesso hanno provocato paura e panico nei genitori. A cominciare dai libri (sotto forma di romanzi), dalla radio, dal televisore fino al computer e a internet.

Le nuove generazioni si divertono con le nuove tecnologie e le adottano senza problemi mentre la vecchia generazione si adatta con difficolta’. In particolare Yalda Uhls ha scoperto che l’atteggiamento dei genitori verso i figli su questo aspetto importantissimo della vita moderna si puo’ classificare in 3 tipi diversi:

  1. Ignorare completamente il problema lasciando i figli liberi di fare quello che vogliono.
  2. Controllare tutto cio’ che fanno i figli su Internet.
  3. Collaborare con i figli cercando di rendersi conto di persona dei possibili problemi

Yalda Uhls da’ ai genitori una serie di consigli per diventare genitori di tipo 3 (vedi figura sopra).

  1. Essere di esempio per il figlio col proprio comportamento.
  2. Il contenuto e’ piu’ importante della durata.
  3. Riservare ogni giorno del tempo per la comunicazione faccia a faccia
  4. Guarda e gioca con i figli e assumi un atteggiamento positivo.

Per il punto 2 puo’ essere di grande aiuto il sito web di  Common Sense Media. E’ il sito di una organizzazione no profit (alla quale collabora anche Yalda Uhls) che valuta tutti i prodotti dei  mezzi di comunicazione che interessano l’infanzia inclusi app, siti web e videogames.

Commenti: Yalda Uhls scrive regolarmente su questi argomenti sull’Huffington Post .

Altri applet di informatica

Il materiale ha come indirizzo https://www.youtube.com/watch?v=lmrAPFAoPWs
Il suo autore e’ Yalda Uhls

© Talks at Google

Titolo in inglese: “Media Moms & Digital Dads”

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *