Come segnalare la nostra presenza agli alieni

Come segnalare la nostra presenza agli alieni

Introduzione: Ora che siamo sicuri che esistono miliardi di pianeti come la Terra nella sola galassia, possiamo cercare di affrontare il problema di come rilevare la presenza di creature intelligenti in questi pianeti, chiedendoci: come faremmo noi a segnalare la nostra presenza ai pianeti scoperti da Kepler ?

Cose da fare: Si tratta di una breve presentazione  in inglese  sul canale youtube PBS Space Time. Nel video l’astrofisico Gabe Perez-Giz mostra che esistono almeno tre modi possibili. Cliccate sulla figura sopra per farlo partire.

Cosa succede:

I tre modi sono:

  1. L’uso di trasmettitori di onde elettromagnetiche (microonde).
  2. L’uso di laser.
  3. Il lancio di un grande oggetto di forma particolare che ruoti intorno al Sole.

Le trasmissioni radio e televisive che, a partire dalla seconda guerra mondiale, sono diffuse su tutta la Terra si espandono da allora con la velocita’ della luce nello spazio ma sono troppo deboli per essere rivelate al di fuori del sistema solare.  Ma potremmo realizzare una rete di antenne che trasmettano tutte insieme creando dei segnali cosi’ potenti da poter raggiungere migliaia di anni luce intorno alla Terra. Potremmo senz’altro costruire questo super trasmettitore ma avrebbe costi elevati.

L’uso di brevissimi impulsi laser di grande potenza anche se non ancora fattibile, sarebbe piu’ economico ma altrettanto potente. L’impulso laser e’ direzionale e puo’ essere inviato a ogni pianeta scoperto da Kepler. Al suo arrivo la luce sarebbe estesa quanto un pianeta ma ancora perfettamente rilevabile. Inoltre la sequenza di microimpulsi farebbe capire agli alieni che a produrli non e’ stato un evento naturale.

Questi due primi metodi sono molto costosi anche perche’ devono restare in funzione per migliaia di anni consumando una quantita’ enorme di energia. Invece il terzo metodo e’ il piu’ economico perche’ a parte la spesa iniziale poi sarebbe del tutto autonomo. Esso sfrutta il fatto che il metodo di Kepler per trovare i pianeti puo’ rilevare anche la presenza di strutture artificiali intorno alla stella esaminata. Quindi si potrebbe dispiegare intorno al Sole una specie di enorme vela che gli orbita intorno. Il suo passaggio periodico intorno al Sole sarebbe rilevato dagli alieni come una caratteristica firma della presenza di esseri intelligenti. E interessante notare che Kepler stesso puo’ usare questa tecnica per scoprire alieni : e qualche settimana fa abbiamo avuto la segnalazione di una possibile anomalia di questo tipo:  What’s Up With the ‘Alien Megastructure?’

Commenti:

Altri applet di astronomia

Il materiale e’ formato dal video:

https://www.youtube.com/watch?v=gWYEnvMM1dA
Titolo in inglese: How to Signal Aliens .
Autore : Gabe Perez-Giz

© ABCTVCatalyst

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *