Imparare la matematica giocando

http://zitogiuseppe.com/blog2/?p=7554&preview=true

Introduzione: Keith Devlin e’ un matematico e divulgatore scientifico che a un certo punto della sua carriera ha cercato di capire come mai il suo modo di ragionare sulla matematica fosse cosi’ ostico alla maggior parte della gente ed e’ giunto ad alcune sorprendenti conclusioni.

Cose da fare: Si tratta di un video del canale youtube dell’Universita’ di Stanford con una presentazione in inglese di quasi un’ora di Keith Devlin . La figura sopra  fa partire il  video.

Cosa succede: La conclusione a cui e’ giunto Keith Devlin e’ che non e’ il ragionamento matematico ad essere difficile ma la particolare rappresentazione usata dai matematici. La ragione di questo e’ che il ragionamento matematico viene usato  anche da analfabeti per risolvere ad esempio problemi legati al commercio. Ma le stesse persone, se gli si presenta lo stesso problema con la notazione simbolica della matematica, non riescono a risolverlo. Ed ecco dove entra il gioco ( in particolare per gioco intende il videogioco). Questo serve a creare una rappresentazione matematica alternativa immediatamente comprensibile. In particolare descrive un particolare videogioco Wuzzit Trouble creato per rappresentare e risolvere un complesso problema matematico.

Commenti: Keith Devlin ha insegnato anche un corso MOOC  di matematica  Introduction to Mathematical Thinking . In questo video Prof Keith Devlin Stanford Professor who makes you LOVE MATH! parla di cio’ che ha imparato da questa esperienza.

Di un’altro breve corso introduttivo Mathematics: Making the Invisible Visible sono disponibili tutte le lezioni registrate.

Interessante anche questo archivio di interventi (solo parlato) per una radio americana : The Mathematical Guy.

Altri applet di concetti base

Il video ha come indirizzo :https://www.youtube.com/watch?v=2f-YPD0sSmU

Autore: Keith Devlin
© Stanford

Titolo in inglese: Learning Math Through Play

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale 

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *