Stiamo per essere rimpiazzati dai robot

Stiamo per essere rimpiazzati dai robot

Introduzione: Mi sono spesso chiesto : cosa succedera’ quando i computer raggiungeranno la nostra intelligenza? Pensando a qualcosa di lontano nel tempo. Ebbene, secondo gli autori di questo video, il 45% dei lavori che facciamo saranno fatti da robot nei prossimi anni.

Cose da fare: Si tratta di un video del canale youtube CGP Grey. Cliccate sull’immagine sopra per farlo partire. Il video e’ un documentario in inglese con sottotitoli in inglese commentato dall’autore.  “Mostra altro”,  subito sotto il video, permette di accedere ai materiali originali da cui sono stati estratti spezzoni di video, immagini e musiche nel documentario.

Cosa succede: L’autore  fa il paragone con quello che e’ successo coi cavalli nel secolo scorso. Facevano ogni tipo di lavoro e sono stati dovunque sostituiti per ragioni economiche. Ora, questo fatto di avere dei robot che fanno dei lavori finora svolti da persone, potrebbe non essere una brutta cosa. Potremmo tornare al tempo dei Greci e dei Romani che facevano fare tutti i lavori agli schiavi. Ma di sicuro creera’ la necessita’ di ripensare la nostra esistenza che finora era basata sul lavoro: sia come modo di passare il tempo che come modo di guadagnarsi da vivere.

Ma e’ davvero cosi’ imminente questa rivoluzione dei robot che secondo le stime dell’autore dovrebbe produrre una disoccupazione del 45%? Non credo. Basta vedere come il computer se la cava nella comprensione del linguaggio e nella visione. Le traduzioni fanno ridere e basta un captcha a bloccare un programma.  Probabilmente la rivoluzione sara’ molto piu’ graduale ed avremo tutto il tempo per assorbirla e trasformarla a nostro vantaggio.

Commenti: I robot presentati nel video sono Baxter, l’auto di Google che si guida da se ,  e  Watson della IBM.

Altri applet di concetti base informatica

Il video ha come indirizzo:

https://www.youtube.com/watch?v=7Pq-S557XQU

Titolo in inglese : Humans Need Not Apply

© CGP Grey
Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *