Buchi neri di dimensione intermedia

 Buchi neri di dimensione intermedia

Introduzione: In teoria la massa di un buco nero puo’ essere  qualsiasi, ma esistono prove scientifiche forti e convincenti solo per buchi neri di qualche decina di masse solari oppure di milioni di masse solari. Per il resto solo una manciata di possibili candidati. Ma ora uno di questi e’ stato confermato avere la massa di 400 soli.

Cose da fare: Si tratta di un video di NASA Goddard. La figura sopra  fa partire il  video (in inglese) con sottotitoli in inglese.

Cosa succede: In un’altra galassia(M82)  l’emissione di raggi X in un punto lontano dal centro galattico ha tradito la presenza di un buco nero M82 X-1. E’ stato possibile utilizzare i dati raccolti con un’altro satellite ora non piu’ in funzione   e scoprire un caratteristico andamento degli stessi che ha permesso di dare una massa piu’ precisa al buco nero che diventa uno dei pochissimi buchi neri di massa intermedia. Il video mostra anche come viene determinata questa massa dalla velocita’ del gas ionizzato che cade nel buco nero.

Una spiegazione piu’ dettagliata e’ fornita sotto il video (clicca Mostra altro).

Commenti: Al momento attuale il telescopio orbitale  che sta raccogliendo dati sui buchi neri utilizzando i raggi X e’ Chandra . Il suo sito web contiene  numerose informazioni sui buchi neri finora scoperti di livello divulgativo  inclusi i buchi neri di massa intermedia. Qui potete vedere l’immagine ai raggi X prodotta da Chandra di M82 X-1 con le variazioni che indicavano la presenza di un buco nero. Ma i dati permettevano solo di dare una massa approssimata.

Altri applet di astronomia

Il video ha come indirizzo

https://www.youtube.com/watch?v=TSWZI2oUgnI

© NASA Goddard

Titolo in inglese: RXTE Satellite Catches the Beat of a Midsize Black Hole

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *