Primo rapporto da Rosetta sulla cometa

Primo rapporto da Rosetta sulla cometa

Introduzione: La missione di Rosetta sta andando magnificamente e questi sono i primi dati sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.

Cose da fare: Si tratta della registrazione di un webcast fatto all’Exploratorium di San Francisco e disponibile sul canale youtube dello stesso . Cliccate sulla figura sopra per farlo partire. Il webcast e’ in inglese ed e’  fatto da un insegnante che lavora all’Exploratorium.  Dedicato a un pubblico di non esperti contiene  numerose immagini, animazioni ed esperimenti dimostrativi.

Cosa succede: Le immagini della cometa sono impressionanti. La cometa come ogni altra cometa e’ fatta di ghiaccio ma la superficie sembra ricoperta di polvere. Le dimensioni della cometa sono simili a una montagna grande quasi come il Monte Bianco. L’attrazione gravitazionale e’ molto bassa e basterebbe ad un astronauta una piccola corsa per sollevarsi e mettersi in orbita intorno alla cometa.

La bassa gravita’ spiega la strana traiettoria di avvicinamento di Rosetta e il fatto che la sonda che inviera’ sulla cometa sara’ di fatto lasciata cadere sulla superficie da un altezza di piu’ di un chilometro. Non c’e’ nessun pericolo che che la sonda si sfasci.

Il ghiaccio e’ al momento molto freddo  (siamo all’incirca alla distanza di Marte dal Sole) ma comincia in piccolissime quantita’ a sublimarsi nel vuoto. Man mano che la cometa si avvicina al Sole questa attivita’ diventera’ sempre piu’ intensa fino a produrre attraverso specie di geyser la chioma della cometa.

Proprio in questi giorni e’ uscito il risultato di uno studio sulle chiome di due comete  fatto con ALMA che mostra la presenza di  composti organici. Alcuni di questi sono mattoni fondamentali della vita. Vedremo se Rosetta confermera’ questi risultati.

Commenti:

Altri applet di astronomia

Il video ha come indirizzo

https://www.youtube.com/watch?v=lBSwyIdxJoA
Autore: Paul Doherty
© Exploratorium
Titolo in inglese: Rosetta Mission: Comet Mapping

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *