La scienza delle emozioni

La scienza delle emozioni

The science of emotions

Introduzione: Lo studio delle emozioni nell’uomo e’ difficile perche’ non e’ possibile guardare nel cervello vivente. Per questo vengono usati per lo piu’ i ratti e dopo anni di studi si cominciano ad avere risultati applicabili agli uomini.

Cose da fare: Si tratta di 2 video in inglese accessibili attraverso le figure sopra.  Il primo, del canale youtube di NPR e’ una breve animazione che introduce l’argomento soffermandosi su un’attivita’ ad alto contenuto emozionale che condividiamo con gli animali : il gioco.

Il secondo , di Tedx , e’ la presentazione di un neuroscienziato   che ha studiato a  fondo questo argomento.

Cosa succede: Jaak Panksepp noto anche col soprannome di “rat tickler” (l’uomo che solletica i ratti) ha studiato in maniera sistematica la neuroscienza delle emozioni dimostrando che ratti e altri animali presentano emozioni simili a quelle umane perche’ si attivano le stesse zone del cervello. La parte del secondo video dove fa vedere come i ratti di laboratorio rispondono al solletico e’ illuminante oltre ad essere esilarante. Come risultato di questi studi stanno per essere approntate nuove terapie per la depressione.

 Altri applet di neuroscienze

I materiali hanno come indirizzo

https://www.youtube.com/watch?v=4Z_hMYGAQ6k
© NPR

https://www.youtube.com/watch?v=65e2qScV_K8
Autore:Jaak Panksepp
© Ted Talks

Titoli in inglese: Brains At Play e The science of emotions

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

 

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *