Come la ricerca di video virali ha cambiato la divulgazione scientifica

Quanto pesa un video?

Introduzione:  In questi ultimi anni la ricerca di argomenti popolari su Internet ha creato una rivoluzione nei video scientifici.

Cose da fare: Si tratta di un video TED in cui uno dei fondatori di questo nuovo modo di parlare di scienza, descrive il suo metodo.

Cosa succede: C’era una volta il documentario scientifico oppure la presentazione piu’ o meno brillante di esperti. Ma la diffusione di Internet e soprattutto lo sviluppo di youtube ha cambiato le regole in tavola. Ora c’e’ una perenne ricerca del video virale che attrae in pochissimo tempo milioni di persone. Allora qualcuno si e’ accorto che la scienza era un ottimo argomento per un video virale, bisognava  cambiare solo il “format”. Ridurre la lunghezza, nascondere la complessita’ sottostante, anzi dare l’apparenza di parlare di altro e non di scienza, sfruttare al massimo la curiosita’ degli ascoltatori.

Il risultato e’ stato il fiorire di numerosi canali youtube con video scientifici su ogni possibile argomento e con nomi fantasiosi come vsauce, minutephysics, sixty symbols, etc. Ma con un contenuto scientifico eccellente e soprattutto con una capacita’ di interessare anche milioni di persone. Un risultato inaudito visto l’argomento.

Eccone una lista non esaustiva:

  • vsauce di Michael Stevens che ha raggiunto oltre 500.000 di video visti. Non si occupa solo di scienza ma ha inaugurato lo stile.
  • veritasium di Derek Muller
  • MinutePhysics di Henry Reich
  • Crash Course dei fratelli John e Hank Green che hanno esteso lo stile vsauce a corsi completi.
  • Numberphile, sixty symbols, The Periodic Table of Videos sono tutti dovuti a Brady Haran  e alla sua collaborazione con l’Universita’ di Nottingham

Commenti:

Altri applet di concetti base

Il materiale ha come indirizzo https://www.youtube.com/watch?v=yzQDFKY2uEI .
Titolo in inglese: How much does a video weigh? .

Autore : Michael Stevens
© TED Conferences
Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *