La sorprendente visione del mondo nelle foto a raggi X

La sorprendente visione del mondo delle foto a raggi X

Introduzione: Il fotografo inglese Nick Veasey vi svela il segreto delle sue foto che sembrano in grado di mostrare l’essenza delle cose.

Cose da fare: Si tratta di un video di TED. La figura sopra  fa partire il  video in inglese  con sottotitoli e trascrizione in italiano .

Cosa succedeI raggi X sono un tipo di onde elettromagnetiche che si differenzia dalla luce ordinaria solo per avere una lunghezza d’onda molto piu’ piccola. Questo li rende molto piu’ energetici e penetranti della luce normale. Avrete notato dal video che la lastra fotografica si mette dietro l’oggetto, mentre nelle foto normali l’elemento sensibile e’ davanti l’oggetto. Il risultato e’ che si ha una foto dell’interno dell’oggetto invece della sua superficie. Questo puo’ rendere molto belli oggetti comuni.

Ma ha anche un valore pratico per studiare la struttura di una macchina anche gigantesca come un aereo o per essere usata per il controllo alla frontiera  delle merci contenuti all’interno di  camion e container. Da notare come in questi casi l’oggetto e’ troppo grande per poterlo fotografare tutto assieme e bisogna procedere a fotografare striscie successive una a una.

Nel video e’ anche evidente perche’ queste macchine fotografiche non diventano di uso comune. Oltre ad essere ingombranti e costose, sono molto pericolose. Tanto pericolose che le figure umane incluse nelle foto sono tutte fatte usando uno scheletro (sempre lo stesso) oppure in alcuni casi in cui e’ importante vedere piu’ dettagli, un  cadavere di persona deceduta da poco.

Potete guardare meglio i dettagli di alcune decine di foto in questo slide show.  Oppure cercate su Google Immagini Nick Veasey.

Commenti:

Altri applet su concetti generali

Il materiale ha come indirizzo http://www.ted.com/talks/nick_veasey_exposing_the_invisible_1.html e fa parte della raccolta TED Ideas worth spreading.

Autore: Nick Veasey
© TED Conferences

Titolo in inglese:  Exposing the invisible

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *