Sindrome di Tourette e altri disordini neurologici

Jess Thom parla della propria malattia : la sindrome di Tourette

Elyn Saks parla della propria schizofrenia

Sherwin Nuland parla della propria depressione e di come e' riuscito a guarire

Introduzione: Il problema principale con le malattie collegate al cervello e’ che esse, a differenza delle altre malattie, sono spesso legate a una stigmatizzazione sociale. Queste tre presentazioni, essendo fatte dagli stessi pazienti, possono aiutare a far conoscere meglio la loro condizione contribuendo a diminuire questo problema.

Cose da fare: Si tratta di 3 video di TED. Le 3 figure in questa pagina  fanno  partire i  video (in inglese). Il secondo e terzo video hanno sottotitoli e trascrizione in italiano.

Cosa succede: Jess Thom e’ affetta da sindrome di Tourette. Ha cercato di reagire alla sua condizione usando in maniera creativa i migliaia di tic verbali e no che la sua condizione comporta. Nel suo sito web ha registrato migliaia di frasi diverse pronunciate  (sono  parole sulle quali non ha alcun controllo). Ha anche creato un programma automatico su Twitter che “dialoga” con le persone che lo interpellano usando queste frasi.

Nel secondo video vediamo una studiosa di legge affetta da schizofrenia che ci racconta la sua storia.

Nel terzo video invece  un chirurgo e scrittore   ci racconta la sua depressione grave e come ne sia uscito con una serie di elettroshock.

Commenti:

Altri applet di neuroscienze

I materiali hanno come indirizzo

https://www.youtube.com/watch?v=_jmTlQld2Z8,

http://www.ted.com/talks/elyn_saks_seeing_mental_illness.html

http://www.ted.com/talks/sherwin_nuland_on_electroshock_therapy.html

e fanno parte della raccolta di video TED Ideas worth spreading.

Autori: Jess Thom, Elyn Saks , Sherwin Nuland
© TED Conferences

Titoli in inglese: The Tourette’s syndrome : The Alchemy of chaos ,Elyn Saks: A tale of mental illness — from the inside, Sherwin Nuland: How electroshock therapy changed me

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

 

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *