Cosa ci possono insegnare i videogiochi

Cosa ci possono insegnare i videogiochi

Introduzione: Non sono della generazione dei videogiochi. Quando sono nati, all’inizio degli anni ottanta, avevo oltre trenta anni e lavoravo coi computer da oltre 10 anni.La mia idea dei videogiochi era di una maniera di passare il tempo come quando si fanno i cruciverba.Questo video mi ha convinto che dietro ai videogiochi c’e’ molto di piu’ di questo.

Cose da fare: Si tratta di una presentazione   TED. La figura sopra   fa  partire il  video (in inglese) ma con sottotitoli e trascrizione in italiano . La presentazione e’ fatta da  Jane McGonigal una creatrice di videogiochi.

Cosa succede:  Una creatrice di videogiochi  ha un grave incidente e per riprendersi usa un videogioco di sua creazione ora disponibile a chi si trova in situazioni analoghe. Questa puo’ sembrare una storia un po’ estrema ma il suo interesse e’ nel fatto che effettivamente e’ stato visto che i videogiochi (o almeno alcuni di essi) sono gli unici programmi che  sembrano migliorare le prestazioni cognitive del  cervello nelle persone anziane . Mentre i  “brain trainer” o  i cruciverba e sudoku non hanno nessun effetto. Il merito di questo video e’ di far capire come mai un videogioco puo’ avere un tale effetto.

Commenti: Sempre Jane Mcgonical ha fatto due anni prima (nel 2010) un altro video TED dal titolo : il gioco può creare un mondo migliore  . Qui, parlando soprattutto del videogioco World of Warcraft, propone di sfruttare le capacita’ acquistate dai giocatori per risolvere i maggiori problemi mondiali.

Altri applet di informatica eneuroscienze

 

Il materiale ha come indirizzo http://www.ted.com/talks/jane_mcgonigal_the_game_that_can_give_you_10_extra_years_of_life.htmle fa parte della raccolta di video TED Ideas worth spreading.

Il suo autore e’ Jane Mcgonical

Titolo in inglese: The game that can give you 10 extra years of life 

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *