Materia Oscura

Materia scura

Introduzione: La materia oscura e’ una tra le piu’ affascinanti scoperte degli ultimi decenni. Immaginate che una pioggia di particelle  attraversa la Terra in continuazione e che la sua massa e’ dieci volte quella di tutta la materia ordinaria. Questa materia e’ invisibile. Se potessimo afferrare un sasso di materia oscura , sapremmo che c’e’ qualcosa perche’ sentiremmo la massa, ma passerebbe attraverso la mano senza nessun problema.

Cose da fare: Si tratta di 3 video di TedEd che presentano questo straordinario fenomeno da 3 punti di vista.

Il primo video (cliccate sulla figura sopra per farlo partire)  e’ una presentazione da parte di una studiosa  che mostra le prove inconfutabili accumulatesi in questi ultimi anni dell’esistenza della materia oscura. Lo studio e’ stato fatto usando almeno 4 metodi differenti e i risultati sono stati tutti uguali: le galassie sono tenute insieme da una massa invisibile che e’ circa 10 volte la massa della materia normale!

La materia che non possiamo vedere

Il secondo video ripropone lo stessa concetto in maniera molto piu’ concisa introducendo la materia oscura come uno dei componenti fondamentali dell’universo.

Come la materia scura spiega la velocita' delle stelle

Infine il terzo video parla in dettaglio di come si misura la presenza di materia oscura in una galassia a spirale come la nostra.

Cosa succede:  La materia oscura puo’ essere vista  globalmente nell’universo attraverso la radiazione cosmica di fondo. Negli ammassi di galassie, calcolando la velocita’ delle singole galassie oppure le deformazioni da lente gravitazionale prodotte nell’immagine di  oggetti celesti  che si trovano dietro l’ammasso. E infine, nelle galassie, misurando la velocita’ delle singole stelle. Un alone di materia oscura uniforme circonda galassie ed ammassi di galassie. Se non ci fosse questa materia, le galassie in un ammasso o le stelle in una galassia non riuscirebbero a tenersi insieme. Insomma col big bang oltre alla materia normale e’ stata creata questa enorme quantita’ di materia invisibile.

Buchi neri, neutrini e altre particelle e strutture conosciute non possono spiegare questa massa.  L’ipotesi piu’ probabile e’ che esistano delle particelle di grande massa che interagiscono pochissimo o niente con la materia ordinaria. Gli e’ stato dato il nome di Wimp (weak interacting massive particles) e alcuni laboratori sotterranei hanno cercato di rilevarle con metodi molto sensibili ma senza ottenere finora risultati. Dopo la scoperta del bosone di Higgs i teorici stanno cercando di vedere se c’e’ qualche meccanismo  legato al ruolo di questa particella nel big bang , che possa spiegare la creazione di questa enorme massa fatta da particelle invisibili.

 

Commenti:

Altri applet di astronomia

Il materiale e’ formato dai 3 video:

hhttp://ed.ted.com/lessons/patricia-burchat-sheds-light-on-dark-matter
Titolo in inglese: Shedding light on dark matter – Patricia Burchat .

http://ed.ted.com/lessons/dark-matter-the-matter-we-can-t-see-james-gillies
Titolo in inglese: Dark matter: The matter we can’t see – James Gillies

http://ed.ted.com/lessons/dark-matter-how-does-it-explain-a-star-s-speed-don-lincoln
Titolo in inglese: Dark matter: How does it explain a star’s speed?- Don Lincoln

e fa parte della raccolta di video TED-ed Lessons Worth Sharing.
© TED Conferences

Ricerca di pagine che hanno link a questo materiale .

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *