Esperimento di Rutherford

Introduzione: Con questo esperimento Rutherford scopri’ il nucleo

Cose da fare: Le particelle alfa arrivano in continuazione dalla sinistra.La maggioranza sono poco deviate, ma qualcuna subisce una notevole deviazione tanto da tornare indietro se urta col nucleo fermo al centro.

Cosa succede: Nella realta’ il nucleo (ma anche le particelle alfa) non si vedono: anzi sia il nucleo che le particelle alfa(nuclei di elio) sono dell’ordine di 10 -15 m molto piu’ piccoli dell’atomo che e’ dell’ordine di 10 -10 m.Rutherford non si aspettava un nucleo cosi’ piccolo e tanto massiccio da far tornare indietro alcuni proiettili. Pensava invece che la carica positiva nell’atomo fosse distribuita come l’uvetta nel panettone e le particelle alfa sarebbero passate subendo pochissima deviazione come una pallottola che attraversi un panettone. Potete immaginare la sua sorpresa: e’ come se colpiste un foglio di carta con una mitragliatrice e qualche colpo rimbalzasse tornando indietro! L’esperimento gli permise di scoprire anche le dimensioni del nucleo e da allora fu chiaro che la maggiore componente dell’atomo era lo spazio vuoto!Se ingrandiamo l’atomo fino alle dimensioni di un campo di calcio, allora il nucleo diventera’ quanto una mela. A sua volta l’atomo e’ cosi’ piccolo che dobbiamo ingrandire la mela alle dimensioni della Terra per vedere l’atomo grande quanto una mela!

Commenti:

Altri applet di fisica nucleare

Il materiale ha come indirizzo http://galileo.phys.virginia.edu/classes/109N/more_stuff/Applets/rutherford/rutherford.html e fa parte della raccolta Fowler’s Physics Applets .

Il suo autore e’ Michael Fowler.

Titolo in inglese: Rutherford Scattering .

 

Tweet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *